mercoledì 4 giugno 2008

IL RE IN TAVOLA

Pant pant...ma quanto è difficile riprendere la routine???Vorrei dormire 2 gg di fila, il ritorno rocambolesco m'ha ucciso accidenti!Nonostante tutto, la tenacia gemmellare, mi ha comunque portato a concludere la fase lavaggio& stiraggio che segue ogni vacanza(a dir la verità è presente tutte le settimane però..).Voi mi direte "Hai voluto la bici e mo' pedala" e c'avreste anche ragione...Ora basta lamentarsi!

Ho cucinato(figuriamoci se sto ferma), devo solo degnarmi di scaricare tutte le foto pregresse per dedicar loro dei post degni(come quello sulla vacanza, sebbene non ci sia moltissimo da dire).
Tanto per non far rimanere troppo a digiuno il mio bloggettino, dedico l'nnesima ricetta a quello che, per me, è il re indiscusso della tavola:il PANE.Senza pane non vivrei, davvero.In Egitto, dove sono stata recentemente, si mangia dell'ottimo pane e della buonissima pizza(mica per niente molti pizzaioli in italia sono egiziani..).Là va molto il sesamo nero ed i semini vari..oppure il classico pane arabo che ho visto preparare sulle braci al momento..Inutile dire che mi affascina ogni volta la cottura di questo eccezionale prodotto!

Questa volta propongo un'esperimento che feci una domenica , dopo aver letto in giro alcune ricette in merito.Premetto che in Irlanda non ci sono mai stata, haimè( prima o poi) e, questo pane proviene proprio da lì( esiste anche una società per la sua preservazione) ...Potrebbe essere un'idea se un giorno foste prese da un'irrefrenabile voglia di panificare e foste nello stesso tempo sporvviste di lievito(secco, birra, pasta madre...).Avete mai pensato al bicarbonato?E così nacque il

SODA BREAD
450 gr di farina integrale(io ho usato il farro)
250 gr di farina "0"
1/2 litro di latticello o, per chi preferisce latte di soia(anche se non è esattamente la stessa cosa)
1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
1 cucchiaino di sale marino integrale

Accendere il forno a 200°.Miscelare le due farine ed aggiungetevi sale e bicarbonato, mescolando.Impastate quindi il tutto col latticello ed aggiungete altra farina, qual ora l'impasto fosse troppo liquido.Lavorare per bene e formare una pagnotta sulla quale formerete un croce(noi la facciamo per favorire la lievitazione ma, la tradizione vuole fosse per allontanare il maligno!).Infornare per 40'.


Il pane sarà croccante fuori e morbido dentro.
Provare per credere!

PS:e sta foto qui sotto la giudicate tamarra???Sono in fase sperimentazione...;)



AGGIORNAMENTO:Lasciamo perdere il mio grado di stordimento...il mazzetto di aromi non era solo una velleità artistica ma..nell'impasto ho aggiunto del rosmarino fresco!Alex, c'era un perchè!;)

8 commenti:

stelladisale ha detto...

saretta sei mitica! avevo proprio bisogno di un'idea per usare il latticello che mi avanzerà dal burro che devo fare per poi fare il ghee! che orgininale sto pane, io in irlanda ci sono stata ma non credo di averlo mangiato, boh chi si ricorda... ma cosa è successo nel viaggio di ritorno, essì che eri vicino, ecco perchè io odio prendere l'aereo, non tanto per il fatto di volare ma per tutti i disguidi e le attese negli aeroporti,
bacioni

Alex e Mari ha detto...

Bentornata!! Bellissimo questo pane. Ne ho fatto uno anche io ultimamente con il latticello, ma dolce.
E se quelle belle erbe si mettessero anche nell'impasto?
Ciao, Alex

Saretta ha detto...

Stella:teeec!bene bene, sono contenta che t'ho dato una soluzione!Sai che mia mamma ha trovato al super un bel barattolone(tipo quello della Soresina) di burro chiarificato???Credo sia della Granarolo...pensa te!
I asini sono stati dovuti ai ritardi..io sono sfixata che ne ho sempre ua:al ritorno dal messico, soo stata ferma 8 ore in aeroporto a Cancun..e dopo 12 h di viaggio + 1 di treno ero cotta quando ho toccato casa!Vabbè, amo troppo viaggiare e non demordo!;)
Alex:ciao cara!mmm io proverò la versione dolce allora(dammi qsiasi tipo di pane e lo mangio..)Beh, secondo me le erbette "nostrane"(sono del giardino mammesco&papesco) ci stanno divinamente...Ad esempio in famigerato NKbread io lo farcisco sempre di rosmarino fresco, e viene una meraviglia!
Bacione a tutte e due stelle belle!

Ciboulette ha detto...

Saretta, da quanto tempo non passavo da te!
Il pane col bicarbonato e' una rivelazione.... :-0
Mia madre fa la croce sull'impasto metto a lievitare e si fa il segno della croce con una preghiera di ringraziamento per il pane, ed e' una cosa che mi ha trasmesso :))
Un bacio!

Saretta ha detto...

Coboulette:ribenvenuta!!!Anch'io devo ricominciare a gironzolare( a dir la verità l'ho già fatto , solo non ho lasciato commenti!)
Bacini

Fra ha detto...

Come ti capisco...lo stress da rientro ti fa desiderare una nuova vacanza, ma poi ci sarebbe di nuovo il problema del ritorno e quindi...maledetto circolo vizioso!!
Concordo sul pane, è veramente un alimento fantastico con numerose variazioni che tagliano trasversalmente tutte le culture
Aspetto le foto della vacanza per morire un po' di invidia...
Un bacio grande
Fra

Saretta ha detto...

Fra..corro volentieri sempre il rischio!;)
Eccoti accontentata!baciotti
saretta

Claud ha detto...

Ma no, Sara, non è tamarra! C'ha pure il codiceabarre! (Manca il prezzo in copertina, però!)

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...