lunedì 18 maggio 2009

E CON IL RESTO DEI BACCELLI DI FAVE....

Ah, perchè faccio così fatica ad ingranare dopo un weekend lungo?Forse perchè chiudo serranda e stacco completamente il cervello?Una volta non ero così abile nel fare "reset", ora sono maestra ma, al ritorno son dolori!
L'weekend londinese è stata una parentesi davvero piacevole, perfino il tempo è stato clemente, nonostante le pessime previsioni!Lunghe camminate(non potete nemmeno immaginare quanto!) alla scoperta di zone meno turistiche, attraverso gli splendidi parchi...Vedere il sole che fa capolino tra le nuvolette e colora d'argento il Tamigi, rendendo ancora più luminoso il verde dei numerosissimi alberi...Poesia, se ci si sofferma a guardare con attenzione.
Londra l'avrò vista una decina di volte ma, riesce sempre a trasmettermi qualcosa, ad ogni visita.Sarà poi che offre, tra le tante cose, la possibilità di gustare cucine straniere autentiche( mi dicono che lìmangi la vera cucina cinese per esempio;abbiate pazienza io non riesco a vincere i miei preconcetti..):noi abbiamo optato per quella libanese(che adoro!) e per una pakistano- nord indiana(davvero raffinatissima e profumata!).Parliamo poi del mio amato Starbucks?Non ho potuto stare alla larga del mio amato Frappuccino!Insomma sono davvero soddisfatta :) Spero di regalarvi qualche scatto a breve!
Tornando a noi, vi avevo lasciato con l'orzo alla seconda con baccelli di fave.Vista l'enorme quantità a mia disposizione di quest'utimi, ho utilizzato il restante per un qualcosa di coccoloso, in una una serata freschina.Sempre la solita zuppa?Non proprio, a me è piaciuta un sacco!

VELLUTATA di BACCELLI DI FAVE MANDORLATA

Una bella manciata di baccelli di fave cotte(a vapore o lessate)
olio
aglio
pan grattato
basilico
mandorle a scaglie
panna di mandorle
acqua o brodo vegetale
miso bianco

Fate saltare i baccelli in aglio e olio evo;spolverate con un cucchiaio o due di pangrattato e fate rosolare.Poneteli in un mixer e frullateli grossolanamente.Trasferiteli nuovamente in una casseruola con qualche foglia di basilico ed un po' di acqua o brodo vegetale, cuocendo per una decina di minuti;aggiungete quindi due cucchiai o più di panna di mandorle.nel frattempo, in una padella antiaderente, tostate un cucchiaio di mandorle a scaglie.
Togliete dal fuoco la zuppa, unite il cucchiaino di miso bianco sciolto in poca acqua calda(o in poco di zuppa), le mandorle a scaglie tostate e mescolate bene.Completate con un filo di panna di mandorla e servite accompagnadola con del riso basmati, che esalta col suo profumo la dolcezza della vellutata.
In alternativa suggerirei come alternativa della quinoa cotta(precedentemente tostata a secco in un padellino)Avrete una zuppa ricca di tutti i nutrienti!
Buona settimana!
P4270987

10 commenti:

Onde99 ha detto...

Meno male che c'è un'altra fedelissima delle zuppe!!! Pensavo di essere l'unica che ancora bolle, frulla e riscalda cremosissime vellutate!

Mimmi ha detto...

Panna di mandorle?!?!? Mai sentita! Cos'é? Dove la trovo? Morde?
Belli i colori della tua zuppa. Peccato che le fave non riesca a trovarle qui :-(
Bacioni, Mik

astrofiammante ha detto...

ahh...ma ci mangiamo anche le bucce?
sei proprio un ragazza da sposare...
parsimoniosa e creativa...mi unisco a Mimmi...che sarà la panna di mandorle?? attendo fototour London!!
baci!

lenny ha detto...

Anch'io sono rimasta irrimediabilmente colpita dalla panna di mandorle e sto fantasticando sul sapore e sul tocco ch econferisce alla zuppa :-)

Barbara ha detto...

wow.. una vellutata di fave, idea spettacolare, da copiare in velocità, magari sostiuendo la panna di mandorle con.. panna normale? Mi hai comunque incuriosito è un prodotto di cui non sospettavo l'esistenza!!

Elisakitty's Kitchen ha detto...

Ciao Saretta!
Ben tornata! Hai fatto proprio bene a resettare tutto... quando ci vuole ci vuole!
Mi viene da sorridere anche io qualche giorno fa ho preparato una velluta con le fave! Però la panna di mandorle è proprio una chicca non la conoscevo e ora che mi hai messo la curiosità devo proprio infomarmi meglio.
Quante buonissime cose che scopro qui da te!

Giò ha detto...

insomma, questi baccelli devo proprio prpvare a usarli nonstante la mia riluttanza....ci pccerei il dito in quella zuppa! tornare operativi dopo un weekend è sempre difficile, mane vale la pena, viaggiare è una delle cose che mi rigenera e mi fa sentire viva!bacio

Saretta ha detto...

Onde:fedele anche con 40°!!!Pensa che anche in vacanza ai tropici o sul Mar Rosso me ne mangiavo una a pranzo!Si sa che la bevanda calda contrasta il caldo!
Mimmi:oh yes!Trovata al bio di fiducia ed amata al primo assaggio!Merita anche quella di avena!
Astro:hehe, non si butta via niente!Beh, se si mangiano i piattoni, perchè nonle bucce di fava?V sopra x la panna!Baciiiiitesoraaaaaaa
Lenny:sìsì, è una panna delicatissima di sapore ovviamente mandorlato...davvero delicata e deliziosa a mio parere!
barbara:certo che puoi mettere la panna normale..ovviamente quella di mandorle dà un tocco diverso e rinforza il sapore delle mandorle tostate!
Kitty:maddaiiiiiiii!troppo in sintonia!;)
Giò:prova che ne vale la pena!!!Hai ragione, viaggiare è una vera linfa!

Fra ha detto...

Londra deve essere davvero magica, spero presto di visitarla e di godere per il momento dei tuoi scatti
Venendo alla zuppa...che dire davvero una supercoccola e le mandorle danno quel tocco raffinato che non guasta mai
Un bacione
fra

stelladisale ha detto...

dimenticavo, riguardo al cinese, ce n'è di tutti i livelli è vero, quando lavoravo a Knightsbridge di fronte a noi c'era un ristorante cinese molto famoso e chiccoso, spesso con una ferrari rossa parcheggiata fuori che si diceva fosse di elton john :-) mr. Chow si chiamava...
buona giornata, bacioni

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...