lunedì 26 gennaio 2009

LA CONCHIGLIA DI SAN GIACOMO e la richiesta di un consiglio...

Buongiorno a tutti!
Qui non i capisce più nulla..esco bardata, viste le previsioni minacciose di nuova neve(che allitterazione!!!), e spunta il sole, mah!
Nel frattempo che il meteo decida che direzione prendere...passo all'argomento-plait du jour..sia chiaro, io il francese lo amo ma non lo so!prima o poi m'iscriverò ad un corso, promesso!
Forse non sapete che tra i cibi verso i quali nutro un amore sconfinato, ci sono le "coquille de saint Jaques" alias, Capesante!Qui Bian racconta benissimo la storia...Non potete capire quanto vada matta per questo pesce..Gratinate sono il mio dio d'amore(non a caso erano presente tra i miei antièasti della cena del 31.12...), ma non disdegno altre proposte.Infatti mi sono segnata alcune ricettine che dovrò sperimentare.tempo fa addocchiai dal mitico Rocco questa ricetta.Mi attirava molto la presenza dell'arancia, quindi mi sono cimentata ispirandomi al maestro e rielaborando poi a mio piacimento.Il risultato è piaciuto ma, secondo me, la prossima volta devo aggiungere del cognac.Attendo vs lumi!Io l'ho messa tra i secondi, potrebbe essere benissimo un antipasto, dipende, ca va sans dire, come è composto il vostro pasto..;)

CAPESANTE BRASATE CON SALSA ALL'ARANCIA su letto di rucola
4 capesante
olio evo
il succo di 2 arance spremute
1/2 cucchiaio scarso di farina
aghi di rosmarino tritati
sale
pepe

Per prima cosa prendete le capesante, staccatele dalla conchiglia e lavatele con cura;tamponatele con della carta assorbente.Scaldate un filo di olio evo in una padella e, una volta pronto brasate velocemente i molluschi salandoli e pepandoli.Teneteli da parte al caldo.
Un in pentolino portate a bollore il succo d'arancia, con,'aggiunta di un filo di olio evo, sale, rosmarino.Togliete dal fuoco stemperatevi con una frusta la farina e fate cuocere sinchè si addensa(occhio ai grumi).
Impiattate ponendo la conchiglia(lavata) su un letto di rucola;quindi riponete ciascuna capasanta nella propria conchiglia ed irroratela con la salsa all'arancia.
P1150988
Secondo voi dovevo sfumare il mollusco con del cognac quando l'ho brasata?A mio parere darebbe un tocco in più...

17 commenti:

ღ Sara ღ ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
ღ Sara ღ ha detto...

ciao Saretta!!! infatti!! anche io sono rimasta "stupita" dal tempo: dicevano che avrebbe nevicato ed invece c'è un bel soleeee!!!!!! ghghgh

bellissima la ricetta!!! io il francese lo sto studiando dall'anno scorso...e devo dire che è meraviglioso!! per il consiglio ahimè passo parola...non so aiutarti!!

un bacisssimo e buon inizio settimana!!!

Maya ha detto...

ne vado pazza.... uuuu è secondo me l'idea che hai avuto è ottima... fammi sapere è!!!

Gunther ha detto...

anche io vado matto per le capesante è un oesce molto delicato e secondo me , ma potrei sbagliarmi bisogna cucinarlo nel modi più semplice possibile, non ho cpaito come mai on ti abbia soddsifatto non sempre male, non aveva abbastanza gusto? era amaro? io personalemente ingener ele faccio cosi le metto in forno dentro alla loro conchiglia faccio un emulsione di olio, burro , erbe aromatiche con una spemutina di limone o arancia e ci gratto qualche buccia, cosi su due piedi più che del cognac del liquore all'arancia ma bisogan fare attenzione a non sovrastare l'aroma delle capesante

Mariluna ha detto...

deliziose davvero, anch'io ne vado matta e proprio la settimana scorsa l ho cucinate...non ancora pronte per il post...uff quante cose da fare.... mi piace molto l'accostamento con l'arancia, ultimamente in casa sto usando solo quelle per aromatizzare!!!! che ci colorano da questo tempo grigio e umido e freddo e....ma quando arriva l'estate???

Buon lunedi' cara Saretta e noto la ricettina!!!

Lo ha detto...

io non so aiutarti...non sono esperta...però me le mangerei subito con o senza cognac...però mentre lo evochi mi ispira! arriva ora il brutto :(

Saretta ha detto...

sara:beatta te che sei ancora all'opera nello studio!beh spetro non sia mai troppo tardi!bacione
Maya:grazie!
Gunther:ma sì secondo me mancava di quel qulacosa in più..forse in cointreau è perfetto!Grazie!!!
Mari:sì bella domanda!ma noi ci difendiamo a suon di arance!!!bacioni carissima
LO:andremo a naso allora!bacioni

Kitty's Kitchen ha detto...

Ciao Saretta, passo da questi parti per leggerti di tanto in tanto, mi piace la ricetta con le capesante. Bella idea! Ti saluto a presto

lenny ha detto...

Senza aver assggiato e quindi con ampie possibilità di errore, lascerei solo l'aroma dell'arancia, senza sfumare con il cognac: deliziose.
Ciao

AndreA ha detto...

Buono ed elegante! :-)

Un abbraccioooooooo

Cuoche dell'altro mondo ha detto...

Delizia delle delizie!! Devo fare 30 km per trovare le capesante, ma dopo questa ricetta credo che mi metterò presto in macchina. Gratinate sono il massimo anche per me, ma questo sughino all'arancia già me lo sento in bocca.
Sono titubante sul cognac. NOn resta che provare entrambe le versioni.
Bacioni
Alex

Ciboulette ha detto...

Io vado pazza come te per queste conchiglie!! E tu mi hai dato una bellissima ideuzza, magari per San Valentino!!! Un bacione!

Fra ha detto...

Stupende, anche io ne vado pazza! Per il cognac io le sfumerei proprio con un goccino stando attenta a farlo evaporare proprio benissimo se no rischia di coprire il sapore delicato del mollusco
Un bacione
fra

Rocco ha detto...

Ciao Saretta, eccomi qua. Non ci credevi eh ? approfitto dei miei rari momenti liberi... veniamo a noi: io amo fare un esempio ai miei amici e visto che ti reputo tale lo dirò anche a te... se nel piatto ho un pezzo di gorgonzola andrò a ricercare la potenza dei profumi, la persistenza olfattiva, la profondità del gusto e così via... se invece nel piatto ho una mozzarella andrò a ricercare la freschezza, la delicatezza, la morbidezza e tutte quelle lievi sensazioni delle sfumature insite in un prodotto delicato. In questo caso l'arancia accostata alle capesante conferisce freschezza e un minimo di acidità che si contrappone alla dolcezza delle cappesante... l'alcool me lo terrei da parte per usarlo in altre preparazioni dove ho bisogno di una botta aromatica che vada a contrastare un sapore un pò piu deciso. A proposito di cappesante io ne ho postate ben 5 di ricette che ti invito a leggere visto la tua passione che condivido per questo "gioiello" del mare.
Che altro dire ? w la passione per la cucina. A presto Rocco, umile cuciniere e non maestro come mi chiami tu ;-))

Viviana ha detto...

tesorooooo... le capesante sono in effetti una poesia!
sono buone gratinate.. ma in effetti è bello anche non fermarsi a questo procedimento! io le ho fatte proprio al cognac (erano ignifughe le mie e non sono riuscita a farle flambèe) ma la capasanta con il cognac è un'accoppiata da svenimento (erano tra gli antipasti del nsotro matrimonio :)))
quindi voto per la sfumatura!
un baiconeeeee

Saretta ha detto...

Kitty:grazie della vista!ti aspetto più spesso!:D
lenny-,grazie cara!
Andrea:a volte le cose più semplici sono le più chic vero?
Alex:forse hai ragione, vedremo!bacione
Cibou:mbè il maritino lo stendi con una bella capasanta!hahaha;)
Fra:sì, però temo danni!bacioniii
Rocco:grazie MAESTRO!Bellissima lezione, grazie davvero!
Vivi:corro subitissimo a vedere allora!Così ho un'alternativa!grazie bella gioiaaaa baci

enza ha detto...

ragazza ma mi stai diventando davvero brava, sai?

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...