lunedì 13 settembre 2010

GIORGIO AMBROSOLI,UN EROE BORGHESE

Buon lunedì a tutti.Spero abbiate trascorso un piacevole fine settimana.Personalmente sono molto contenta perchè sono riuscita a vedere i miei nonni, la mia famiglia, le mie amiche/ci, mi sono goduta un sole bellissimo ed il piacere di una camminata in compagnia.Giusto per riprendere le vecchie e buone abitudini, ho anche rifocillato il mio freezer con una scorta di pesti vari, per far fronte ai prossimi mesi, grazie alle verdure donatemi dal nonno e dai miei.Queste sì che sono soddisfazioni :)
Dopo aver finito di pestare, mi sono accomodata sul divano e non mi scono schiodata fino quasi a mezzanotte ,con le lacrime agli occhi ed una commozione sincera.Nessun film, nessuna fiction, miss Italia non parlatemene neanche...Semplicemente ho seguito una magistrale lezione di storia contemporanea, in forma di monologo, tenuta da un giornalista che ammiro molto come Antonello Piroso.Nel suo speciale di NDP(Niente di personale) intitolato "Scusi avvocato Ambrosoli", Piroso ha ripercorso la vita e l'ingrato e gravoso incarico, che l'avvocato Giorgio Ambrosoli assunse e portò avanti dal '74 al '79, anno in cui fu ammazzato con quattro colpi al petto da un killer assodato da Sindona.
Testimonianze audio, fotografie, informazioni documentate da numerosi libri e testimonianze.Davvero un ottimo lavoro, di quelli che si vedono raramente in televisione ultimamente.Piroso ci ha condotti in quei quattro anni in cui Ambrosoli fu nominato liquidatore del patrimonio di Sindona.Mafia, P2, politici complici e conniventi ma stranamente candidi e lindi agli occhi della giustizia.Un uomo per bene incaricato di sviscerare traffici illeciti, decodificare messaggi, mettere in ordine un caos costruito alla perfezione da uomini che definire criminali autorizzati è poco.Peccato che quest'uomo fosse SOLO.Solo contro politici, contro mafiosi, contro banchieri, uomini di finanza e di Chiesa...Solo, minacciato e comunque coraggioso e determinato.Anche davanti al figlio più piccolo Umberto che, nonostante la tenera età comprese che il padre era in pericolo di vita, non desistette dal suo incarico e lo portò avanti sino alla morte.
Attraverso questa lezione di storia e di vita, ho compreso molte cose.Ho scoperto che anche in passato in questo stato gli uomini per bene passavano sempre in secondo piano, i loro drammi in sordina.
Al funerale di questo gentiluomo non partecipò nessun rappresentante delle istituzioni, tranne Paolo Baffi, probo governatore di Bankitalia che si oppose strenuamente alle pressioni politiche per agevolare Sindona.
A suo tempo vidi "il Divo" e ne feci una recensione.Mi schifai, non lo nascondo, davanti ad un uomo che è stato complice di fatti scandalosi nella storia del nostro paese, uscendone sempre pulito.Nulla di fronte al disgusto che ho provato ieri sera ascoltando il monologo di Piroso, credetemi.Quanto marcio, quanta corruzione, quanta criminalità impunita!Quanti UOMINI PER BENE FATTI FUORI...nel SILENZIO!!!
Putroppo assisto ad un perpetuarsi di questa situazione vergognosa, senza che nessuno faccia NULLA.
Mi sono commossa ieri, quando è stato letto un foglio(il testamento spirituale) che nel '74 la moglie di Ambrosoli trovo tra le carte del marito:le diceva che sapeva come sarebbe andata a finire e che era certo lei sarebbe stata bravissima a crescere i tre figli e portare avanti la famiglia.
Quella donna portò dentro di sè quel macigno giorno dopo giorno, senza dire nulla.Da donna mi sono sentita morire per lei.Due persone forti e straordinarie, che hanno lasciato ai figli( e non solo) un memorabile esempio di rettitudine, moralità e forza d'animo.
Non ho fatto nomi di politici, banchieri e uomini di Chiesa coinvolti, perchè volevo semplicemente far luce su Giorgio Ambrosoli che, credo conoscano in pochi.Non voglio fare politica, intendo solo parlare di una PERSONA PER BENE.Come diceva Enza qualche giorno fa, è vergognoso che nessuno parli delle persone come si deve, che si dia spazio solo ai farabutti, agli intrighi di palazzo, alle lotte di potere che hanno tutt'altro interesse che la res pubblica.
Ambrosoli portò avanti il suo compito solo per il bene dello stato, e come fu ripagato?Con 4 colpi di pistola, la solitudine e l'oblio.
Personalmente non riesco a trovare un politico a cui credere, sono sfiduciata, disillusa.Le parole di Umberto Ambrosoli(il figlio minore) mi hanno tuttavia scosso ieri.
“La memoria di fatti lontani e che ossessionano ancora il nostro presente può essere uno strumento per superare la pigrizia dell’elettore italiano, per riflettere sia sulla vita che vogliamo, ma anche su quali elettori vogliamo essere”.
Parole come queste non possono far rimanere indifferenti.
Le persone devono conoscere, sapere quel che è stato;l'ignoranza non fa che perpetuare il marcio e l'immobilità.
Personalmente sono cosciente di poter far poco ma, ho ancora la possibilità di esprimermi e comunicare.IL SILENZIO UCCIDE!!!

Prossimamente ho intenzione di vedere il film"Un eroe borghese" del '95, con Michele Placido, sulla vicenda Ambrosoli.
In seguito leggerò il libro( già letto dal mio ragazzo) "Qualunque cosa succeda", scritto dal figlio Umberto, che narra le vicende dal punto di vista di un figlio.
Per chi fosse interessato ad approfondire la puntata di NDP, vi lascio questo link

Sono conscia di aver iniziato la settimana con qualcosa di un po' pesante ma, vi lascio tranquillamente qualche giorno per digerire.
Buona settimana a tutti.

15 commenti:

accantoalcamino ha detto...

Splendida Sara, la settimana incomincia come deve incominciare, con la consapevolezza che Italia è un paese di struzzi, anche se l'Australia è lontanissima....ogni tanto ci vuole un bella raffica di vento che ci costringa ad alzare la testa.
Ciao, bacio e stima grande da una "bad girl" ;-)

stelladisale ha detto...

io invece ho visto presa diretta...
che dire, sembra che in italia ultimamente le persone per bene scarseggino ma non è così, è solo che hanno poca visibilità, speriamo cambi il vento

terry ha detto...

Ammetto la mia ignoranza nel non conoscere Ambrosoli e la sua storia, quindi grazie... ho letto le tue parole con interesse... sicuramente non mancherò di guardare pure io il film!
e poi non posso che concordare con te e con Libera ...su troppe cose si mette la testa sotto la sabbia... o molte notizie vengono insabbiate! sempre troppo pocala verità che conosciamo e viene messa a nostra conoscenza!
grande Sara per questo post!:)
baci

Onde99 ha detto...

Saretta, sai che se tu abitassi qui saresti una delle poche persone con cui parlerei volentieri di politica e attualità? E'un argomento che in genere evito, perché trovo che al mondo ci sia tanta superficialità, grettezza ed egoismo, ma con te sarebbe un piacere...

Alessandra ha detto...

grazie per le info e link. Ma perche' io non vedo questa LA7?

ciciuzza ha detto...

Sara, che bel post che hai fatto! conosco la storia di ambrosoli proprio attraverso il film di Placido che è molto bello. Mi piace molto Piroso e ha un modo di raccontare gli eventi in maniera chiara facendo luce come dici tu solo sulle persone e i fatti oggettivi.

brava Saretta! Questa non è politica; è storia, storia scomoda che tutti preferiscono non ricordare.

P.S.
sei stata nella fantastica franciacorta dai nonni? :)

Kitty's Kitchen ha detto...

Ciao Sara, grazie per avermi parlato di questa interessante storia c'è davvero da restare indignati. E' da parecchio che voglio vedere il divo ancora non ci sono riuscita

Lo ha detto...

grazie...ho sempre avuto un po' di confusione e ho le idee sono più chiare e in ogni caso capisco la tua indignazione e il tuo dolore..per l'indifferenza e per il peggio che sembra vincere sempre

Gunther ha detto...

devo essere sincero non conoscevo bene la vicenda ambrosoli, solo negli ultimi giorni mi sono documentato dopo la vicenda andreotti, e devo dire che sono rimasto molto colpito proprio dal senso di rettitudine, onestà, lealtà, cosa molto rara sia ieri che oggi. Non si può mai tradire se stessi e lui non lo ha fatto!
MI fa molto paicere però che ci siano persone che lo ricordino vuole dire che non è stato vano quello che ha fatto.

Jasmine ha detto...

Anche io non conoscevo bene la vicenda, adesso voglio approfondire e capire meglio.
Grazie amica.

Saretta ha detto...

Cari tutti,volevo rispondervi singolarmente ma, il sentimento che provo è unanime:GRAZIE!
Grazie per le vostre parole che mi hanno scaldato il cuore, grazie per aver commentato un po' un po' pesante, grazie per la vostra sensibilità!Vi dirò una cosa...non ho vagonate di lettori ma, ho la fortuna di averne di preziosissimi!Persone vere, sensibili, profonde, interessate ad andare oltre la superficialità delle cose.Mi piacerebbe conoscervi uno ad uno di persona, così da perfezionare questa bella interazione che ho con voi.Per il momento spero che questo filo diretto continui e maturi!Vi abbraccio di cuore
Sara

Uvetta ha detto...

Saretta, grazie a te!

Claudia ha detto...

...i brividi mi facisti veniri!
quando ho letto il titolo pensavo al miele (perdona la mia pochezza) poi non vedendo foto di alcunchè di mieloso ho letto e mi sono data della stronza
quindi grazie *
vado da Enza a leggere da lei *
cla

Maya ha detto...

Sareeeeee! un abbraccio forte! che bello passare di nuovo di qua!

accantoalcamino ha detto...

Adorata Sara, quando si parla di sintomia, di affinità, si parla di questo, delle parole e dei pensieri che arrivano esattamente dove vuoi che arrivino....sono sicura che prima o poi lr mie parole arriveranno a te..accompagnate da.."me" ;-) Bacio.

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...