martedì 3 aprile 2012

UN ABBINAMENTO ANARCHICO MA NON TROPPO

Invocate, le mezze stagioni sono ricomparse;ora però, un pochetto di piggia anche qui a Milano no eh?Non sono impazzita ma, diciamo che non si repira nè aria di mare nè di montagna da queste parti, ecco.Noi attendiamo fiduciosi.Ovviamente ho già portato cappotti e piumini in tintoria, fortuna che non ho ancora lavato tutti i maglioni e le sciarpe...maldestro zelo!
Nel frattempo nel tentativo di non sbarellare troppo con sbalzi di oltre 10°, si cura l'alimentazione, che è meglio.
Dovete sapere che gli ultimi sabati mattina passati, mi sono dilettata a passare dal mercato a fare incetta di verdure.Ma quanto mi diverte andare al mercato!Peccato che debba frenarmi perchè mi lascio facilmente prendere la mano dinnanzi ai banchi colmi di verzure, tanto che rincaso con certi carichi che, manco la famiglia Brambilla.E, visto che il mio nucleo è monofamigliare, sono a casa la sera(quando non esco) e non sono una mucca, gli eccessi non sono ammessi, capite amme.
Problemi logistici a parte, in una delle incursioni ho acquistato dei cespi bellissimi di puntarelle, piccoli e sodi.Visto che le puntarelle non sono altro che cicorie ho diviso i cuori dal fogliame(non eccessivo) e mi sono reinventata un piatto di vaga reminiscenza pugliese, sostituendo il legume più classico, con uno meno conosciuto ma gustosissimo acquistato in Umbria.Vi assicuro che non ho rimpianto il classico abbinamento, anzi, lo riproverò presto!
Il legume in questione è la Roveja, di cui vi ho già parlato sottoforma di farina;in questo caso l'ho usata nel "formato originale" :).Qui vi potete fare un ripassino su cosa è e sulle sue proprietà, dopo di che, passate all'azione!

ROVEJA E CICORIE

un mazzo di foglie di cicoria(delle puntarelle)
140 gr di roveja secca
un pezzetto di alga Kombu(o bicarbonato)
sale
scalogno

Mettete a bagno la roveja per una notte dopo di che, fatela cuocere con l'alga kombu in pentola a presisone per una trentina di minuti(dovrà essere tenera).Salatela e pepatela e frullatela con un frullatore ad immersione.
Lavate la cicoria e fatela semplicemente sudare velocemente in padella con sale, dello scalogno ed olio evo.
Servite la cicoria con il purè di roveja ed un giro di olio evo a crudo.E magari dei bei crostoni di pane casereccio tostato!
olio evo

DSCN2037

4 commenti:

Günther ha detto...

gli abbinamentio anarchici ci piacciono molto e devo dire che possono essere gradevoli al palato

Claudia Magistro ha detto...

io, mi assetterei accanto a tia, altro che anarchico questo piatto ispira assai. dai che dopo qualche rinfrescata arriva l'estateeeeee
:)
love
Cla

Alessandra ha detto...

Non conoscevo la roveja, che bella scoperta, quando torno in Italia la cerco!

Buona Pasqua Saretta, spero che sia proprio serena :-).

Ciao
Alessandra

astrofiammante ha detto...

ma che brava figliola, va pure al mercato a fare la spesa come la sciura Brambilla, sei proprio da sposare ^_____^ ti lascio un mare di auguri di buona Pasqua da passare con chi stai bene, bacione!!

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...